0
0 In Fai da te

Al mare come alla spa!


Ok, ok lo ammetto: sono al mare. La verità è che Miss B ha tanto bisogno di iodio, visto che è nata prematura. Certo neanche a me fa poi troppo male! Visto che saremo qui per moooolto tempo ho pensato che dovevo sfruttare al meglio l’occasione e ho organizzato un bel programma che spero di riuscire a seguire fedelmente!
L’idea è di usare il mare come la mia spa privata: orario 24/24 per 7/7 e a costo praticamente nullo!
 Mi sono documentata per bene e quello che segue è  il mio programma per i giorni a venire:
  1. TONIFICARE E SNELLIRE: e chi non lo sa che il nuoto è la migliore risorsa per tonificare i tessuti ehm… non proprio al meglio e snellire in punti che neanche si pensa di avere? Certo al momento il mare è un po’ freddino ma… questa mattina ho visto il nuovo bagnino partire in solitaria, con maschia determinazione, verso mari profondi. Bravo lui, ha la mutina… ma come si fa ad atteggiarsi da figone con tanto di chioma alla tarzan boy, gamba e petto depilati (per non parlare delle sopracciglia) e poi mettersi cuffia, muta a fiori, pinne e maschera per poi dare tre bracciate??? Tutto questo dopo aver accuratamente informato tutte le signore della spiaggia delle sue intenzioni?? Si tenga conto che le signore suddette sono, nell’ordine: due tedesche over 80, più simili a bulldog che altro, qualche nonna a piede libero, bimbe under 6 (le più interessate) e un numero imprecisato di neomamme come me, alle quali l’ormone non è ancora evidentemente tornato. Quindi con questa platea poverino, altro che muta! Vabbè torniamo al tonificare e affini… insomma mi riprometto non appena il mare si sghiaccerà di nuotare come ariel la sirenetta, il più possibile. Per il momento guardo pigramente il suddetto bagnino, magari se gli tolgo la cuffia e lo ripulisco un po’ non è neanche troppo male…
  2. SCRUB: ho letto che lo scrub fratto con la sabbia di mare è un must, in fondo non si usano i fanghi del mar morto dall’estetista? E qui di sabbia ce n’è tanta… e non parliamo delle alghe! quindi ieri mi sono spalmata manate di alghe poeticamente raccolte sulla battigia e ho completato l’operazione strofinandomi con tanta sabbia… risultato: sono tutta una bolla. Evidentemente le alghe erano urticanti o forse la sabbia non ha la granulometria richiesta, non so. Quindi per ora evito, anche perché la puzza che ho addosso non credo se ne andrà in fretta…
  3. DETOX: tutte le riviste femminili consigliano di sfruttare l’occasione di qualche giorno senza marito per coccolarsi con una bella dieta detox, a base di tanta frutta fresca e verdure, i centrifugati dicono facciano meraviglie. Ci ho provato anche io, sono andata dal verduriere qui vicino e ho riempito un sacco con mele fragole ciliegie melone insalata cetriolo pomodori banane limoni cavolo. Le ho guardate a lungo, è stata una bella battaglia, sono molto soddisfatta: ho richiuso il sacco, l’ho dato a mia mamma e le ho detto “fanne quello che vuoi, ma non farmi più vedere ‘sta roba”. Ehh si, mi sento già molto meglio, purificata. Per festeggiare, con Miss B siamo tornate ai bagni e mi sono lappata un bel succo d’uva fermentato a 15° accompagnato da qualche stuzzichino perché dicono che il succo d’uva fermentato a 16° non fa molto bene se bevuto a stomaco vuoto… e dopo la mia dieta detox ero proprio vuota, quindi ho fatto il bis!

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply